Basilica-per-sito.jpg
Home la Basilica La Basilica Oggi

Indice
La Basilica Oggi
Gli Esordi
Gli anni '70
Gli anni '80 e la visita di Giovanni Paolo II
Ancora anni '80
Gli anni '90
Da un secolo all'altro...
E la storia continua...
Tutte le pagine

6. DA UN SECOLO ALL’ALTRO, DA UNA PROVINCIA RELIGIOSA ALL’ALTRA...

Il primo settembre 2001 la cura della parrocchia dei Santi Pietro e Paolo passò dai Frati Minori Conventuali della Provincia Patavina a quella degli stessi Frati Minori della Provincia Romana.

Domenica 30 settembre, alle ore 12, con una solenne cerimonia religiosa il vescovo ausiliare di Roma sud, mons. Rino Fisichella, conferì il mandato di parroco a P. Marco Bellachioma, invitando i fedeli a non lasciarsi spaventare dalla giovane età del parroco e a non dubitare delle sue capacità di assolvere ai compiti che lo avrebbero atteso: non a caso anche lui era stato, a suo tempo, il più giovane vescovo d’Italia. Qualcuno in quella occasione disse che pur avendo diritto a pieno titolo all’appellativo di “padre”, i più anziani lo avrebbero accolto come “figlio” e i più giovani come “fratello”. E in effetti fu così: per la sua giovane età – era il più giovane parroco di Roma – è stato insieme figlio e fratello, e come tale è stato apprezzato e sentito vicino. Ma è stato, sempre e soprattutto, Padre, attento alle necessità della parrocchia, sia negli avvenimenti lieti che in quelli più difficili, con atteggiamento sereno, sorridente e disponibile in ogni circostanza.

Durante il suo mandato avvenne un episodio critico: il 14 aprile 2006 si verificò il cedimento di alcune lastre e di uno stangone di travertino di notevoli dimensioni e peso, che ornavano la parte alta del nicchione della facciata principale della Basilica. Solo per un puro caso non vennero coinvolte le persone da poco uscite dalla celebrazione eucaristica. P. Marco si attivò subito per reperire i fondi, mettendo a frutto le sue doti diplomatiche al fine di richiamare l’attenzione delle autorità sul grave problema che la Parrocchia stava vivendo. I lavori di restauro furono subito iniziati e il portale, momentaneamente chiuso dopo il crollo, fu riaperto con uCastagnata ai campettina solenne celebrazione il 2 agosto del 2007.

Tra le attività pastorali svolte da P. Marco si ricorda la scuola di preghiera con la quale ha introdotto, negli anni 2002 e 2003, un gruppo di adulti, giovani e meno giovani, alla conoscenza e alla pratica della “lectio divina”.

Non sono mancati momenti di letizia francescana condivisa con i parrocchiani: dalle favolose castagnate all’esibizione degli sbandieratori della sua terra d’origine, che hanno dato vita a straodinari momenti di aggregazione comunitaria.

Tra le altre iniziative sono degne di essere ricordate la costituzione, il 24 febbraio2002, dell’Associazione Dilettantistica Sportiva e Culturale Santi Pietro e Paolo; la settimana dedicata alla festa Reliqua  Sant'Antonioparrocchiale nel maggio del 2003, con la presenza del Sindaco di Roma on. Veltroni sia alla celebrazione liturgica che al pranzo comunitario; la solenne concelebrazione di venerdì 16 dicembre 2007 per l’arrivo delle reliquie di S. Antonio in Basilica; il pellegrinaggio delle reliquie di S. Bernadette e della Madonna pellegrina di Lourdes.

Una menzione particolare merita il giubileo della parrocchia. Le celebrazioni per festeggiare il cinquantesimo dell’erezione a parrocchia furono fatte in due occasioni diverse: domenica 30 novembre con una S. Messa presieduta da S. E. Mons. Gianfranco Girotti, reggente della Penitenzieria Apostolica, seguita da un pranzo comunitario nei locali dell’oratorio e lunedì 8 dicembre, anniversario dell’erezione a Parrocchia, con la S. Messa presieduta da S. E. Mons. Paolo Schiavon , Vescovo Ausilire di Roma sud. Al termine della celebrazione eucaristica brindisi di auguri nei locali dell’oratorio.

Nelle due giornate i parrocchiani rividero con piacere diversi frati che negli anni precedenti si erano avvicendati nella nostra parrocchia.

In occasione della festività di S.Antonio di Padova, il 13 giugno 2009, venne in visita pastorale S. Em. il cardinale Agostino Vallini, accolto con calore e affetto filiale da religiosi e laici.

Con P. Marco hanno collaborato da settembre 2001:

P. Danilo Di Somma, anche lui giovanissimo, che si è subito ben inserito cercando di essere presente nei vari ambiti che gli sono stati assegnati, in particolar modo nella cura dell’ufficio parrocchiale. Ama il contatto con la gente ed è pronto a farsi dono per il prossimo. Molto seguiti i suoi incontri per la catechesi prematrimoniale.

P. Michele Mazzone, economo del convento, sempre presente in confessionale

Fr. Pino Perconti, come sacrestano fino al 2005, poi trasferito ad Anzio..

P. Francesco Bartolucci, da settembre 2005, specialista in Mariologia, molto apprezzato come predicatore: le sue omelie sono seguitissime, così come le sue catechesi.

Nel convento dei Santi Pietro e Paolo da settembre 2001 aveva eletto la sua residenza come Ministro Provinciale della Provincia Romana dei Frati Minori Conventuali P: Pier Giorgio Vitelli che vi è rimasto fino al settembre2009.



SIR - Notizie quotidiane

Agenda

Clicca sull'immagine.

.

.

Accedi all'area riservata

.

Chi è online

 182 visitatori online