Basilica.jpg
Home News

Cresime - 30 Aprile 2011

LA ‘STRETTA’…DAL PASTORE VESCOVO…

Sabato 30 Aprile 2011, mentre ancora risuonava l’annuncio pasquale della Risurrezione del Cristo, la nostra comunità parrocchiale ha vissuto uno straordinario momento di Grazia con la celebrazione del Sacramento della Confermazione: durante la celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo, Mons. Paolo Schiavon insieme al Parroco Padre Francesco Bartolucci e al vice Parroco Padre Danilo Di Somma,  24 ragazzi e ragazze del gruppo Pentecoste e 9 adulti, hanno ricevuto la Cresima mediante l’imposizione delle mani e l’unzione con il sacro crisma. Dopo un percorso di fede durato 3 anni di catechesi formativa e di partecipazione a momenti liturgici, i cresimandi hanno ricevuto i doni dello Spirito Santo: l’effetto della Confermazione è la speciale effusione dello Spirito Santo, come quella della Pentecoste che imprime nell’anima un carattere indelebile e apporta una crescita della grazia battesimale: radica più profondamente nella filiazione divina; unisce più saldamente a Cristo e alla sua Chiesa; rinvigorisce nell’anima i doni dello Spirito Santo; dona una speciale forza per testimoniare la fede cristiana.

Sentirsi o essere Chiesa: questo il fulcro attorno al quale, Sua Eccellenza il Vescovo Paolo Schiavon ha ‘stretto’ la sua Omelia ai fedeli presenti, colti da un’incisiva morsa di riflessioni atte a mettere a fuoco il…’fuoco’ appunto che purifica, impreziosisce ciò che è oro e argento. Quel fuoco che insieme al vento che avvolge e alla luce, che illumina e rischiara le tenebre, è simbolo del Dono Supremo del Signore: lo Spirito Santo. Per essere Chiesa, ha continuato,per entrare in Essa basta il Battesimo ma per SENTIRSI Chiesa occorre molto di più e ci riguarda tutti! A conferma di ciò ha citato la costituzione dogmatica Lumen Gentium e le parole del papa Paolo VI: ”Il mondo ha bisogno più di testimoni che di maestri”. Rivolgendosi poi ai genitori ha ricordato l’importanza di farsi testimoni autentici dei propri insegnamenti, unica strada possibile per una sana crescita dei loro figli. Stesso invito ha rivolto a tutta la Comunità riunita in Assemblea Liturgica, affinché i nostri piccoli, come lastre fotografiche che un giorno si svilupperanno, possano ricevere la giusta ‘impressione’, indelebile riflesso di una retta vita. Per far ciò, ha aggiunto, occorre avere a volte anche il coraggio di andare controcorrente in questa società troppo secolarizzata, per ritrovare un nuovo umanesimo a cui tutti aspiriamo, un umanesimo fondato sulla Fede, la Speranza e la Carità. In conclusione ha richiamato l’immagine del fuoco scout, attorno al quale tutti si riuniscono per trovare la luce, il calore, la condivisione della gioia, ma dal quale non tutti hanno la stessa distanza… Sta a noi far sì che tutti possano avvicinarsi sempre più!...

…E DAL PASTORE PARROCO!

Dalla ‘stretta’ del vescovo a quella del nostro pastore, il Parroco, che prima della benedizione finale ha preso la parola per sentiti e dovuti ringraziamenti. Innanzitutto ha ringraziato il Vescovo per essere stato con noi ad amministrare la Cresima così poco tempo dopo la sua precedente visita e Celebrazione Eucaristica nel giorno della Santa Pasqua; segni, questi, di una sua particolare affezione ed attenzione alla nostra Comunità.
Poi  Padre Francesco, premettendo che è sua consuetudine sentirsi ed essere libero nel ‘parlare’, ha sottolineato la sua viva emozione di pastore per l’Omelia che il Vescovo aveva pronunciato a braccio. Un’Omelia evidentemente scaturita da una lunga esperienza di pastore con il suo gregge, della quale il nostro Parroco si è ripromesso di farne tesoro per le ‘pecorelle’ a lui assegnate della nostra Parrocchia.
Ha ringraziato inoltre le catechiste, Anna e Roberta, che in questi tre anni hanno offerto ai neo-cresimati non solo ‘dottrina’, ma anche e soprattutto un esempio di profonda umanità che, ha aggiunto, sapranno offrire e dispensare ancora ai futuri discepoli.
Rivolgendo poi lo sguardo al Coro, impegnato nel favorire un clima di raccoglimento e di preghiera, lo ha ringraziato con particolare calore per la meritoria loro costante presenza in tutte le Celebrazioni Liturgiche più importanti. Un Coro formato da adulti, famiglie e ragazzi del post-Cresima che formano la micro-Comunità, specchio della Comunità dei Ss. Pietro e Paolo.
L’ultimo ringraziamento è stato rivolto alle famiglie che hanno con pazienza accompagnato i loro figli nel cammino di questi anni, mostrandosi pronte e disponibili a superare ogni difficoltà ed ostacolo incontrati.
Dopo i ringraziamenti è sopraggiunto il momento del commiato del Parroco a questo gruppo a lui particolarmente caro avendolo iniziato, il primo anno, al Cammino di Catechesi. Un commiato che si è subito trasformato in un gioioso e ridente invito a non allontanarsi dalla Parrocchia ma a cercare nuovi sentieri e cammini di formazione, naturalmente insieme al loro Pastore e Parroco!…

SIR - Notizie quotidiane

Agenda

Clicca sull'immagine.

.

.

Accedi all'area riservata

.

Chi è online

 54 visitatori online